venerdì 1 novembre 2013

La festa dei morti 2.

Per l'occasione lo strumento passa in mano a Nunzio Sambataro, amico e poeta che ringrazio.


I’ morti

Stanotti
Arrivunu
alleggiu alleggiu
i murticeddi,
senza sgrusciu
ccu’sciatu sirenu
e vasuna di pinzeri
antichi
e duci.
Cu’ manu d’amuri
accarizzunu ‘u sonnu
e posunu cuntenti e sireni
gioia e cosaduci.
Stanotti
ridunu ‘i murticeddi
e muti muti
aspettunu l’alba
accostu li suspiri
di’ picciriddi
chi l’hanu aspittatu
ccu’ l’occhi ‘a pampinedda.
Ora
‘nsonnu
cci parrunu
senza timuri.
‘sta notti
‘a morti
addiventa vita
chi crisci
‘ntò cori di’ vivi.

Nessun commento:

Posta un commento